Mi sono imbattuto recentemente in un articolo molto interessante su Medium Italia che riguarda la privacy e i dati che, senza saperlo, forniamo quando usiamo alcune App di messaggistica come quelle menzionate.

Nonostante i claim di crittografia di WhatsApp e tanti altri, sembra infatti che la realtà sia ben diversa e che un sacco di informazioni che ci riguardano vengano incamerate da chi gestisce queste App. Per farne cosa è molto chiaro visto che la targettizzazione della pubblicità è una delle cose di cui si parla maggiormente e che maggiormente interessa in questo periodo.

Lettura comunque interessante, molto utile e in italiano che vale la pena approfondire…

Leggi l’articolo su Medium Italia