Dai tanti documenti sottratti nella vicenda HT di cui abbiamo già parlato, è curioso dare un’occhiata al listino prezzi dei prodotti e servizi offerti dalla società per penetrare e controllare praticamente qualsiasi computer e sistema operativo desktop e mobile.

Tutti sono inclusi compreso iOS, nel listino viene indicato il jailbreak come prerequisito, come viene indicato il rooting per Android, ma da altre email emerse si evince che prossimamente si potrà fare anche in dispositivi iOS senza jailbreak.

Anche da una veloce lettura emerge che praticamente qualsiasi cosa può essere controllata, spiata e verificata anche se il computer o il dispositivo da spiare devono comunque essere “infettati” per potere fungere da “spioni”. Si sapeva già che a livello digitale può essere fatto di tutto ma, con la venuta a galla di tale vicenda, è sotto gli occhi di tutti il fatto che, sostanzialmente, nessuno è al sicuro.

Fondamentalmente, se non siete terroristi o comunque delinquenti, la cosa confortante è che nessuno si sognerà mai di spiarvi e il fatto di sapere che invece un governo ha a disposizione gli strumenti per controllare i forum clandestini dell’isis, è sicuramente una buona cosa. Certo è impressionante avere la prova concreta che tali attività si svolgono da anni con la collaborazione di tutto il sottobosco underground della rete.