Ho dato questo titolo al post perché nell’articolo del Wall Street Journal viene ripetuto una decina di volte come minimo. A parte i sollazzi linguistici vi invitiamo a leggere l’articolo perché, in sostanza, spiega che Apple era già a conoscenza dei problemi di antenna di iPhone 4 ma siccome quest’ultimo piaceva a Steve Jobs, la commercializzazione è andata avanti come previsto.

Apple engineers were aware of the risks associated with the new antenna design as early as a year ago, but Chief Executive Steve Jobs liked the design so much that Apple went ahead with its development, said another person familiar with the matter.

Oltre a conoscere già questi problemi Apple ha anche dato ai suoi partners e ingegneri molto meno tempo del previsto per fare tutti i test del caso sul telefono.

Apple gave its carrier partners far less time to test the iPhone 4 before its launch and gave them significantly fewer devices to test than other handset makers, people familiar with the matter said.

Inoltre, per la classica mania di segretezza di Apple, i telefoni dati per i test erano completamente differenti da quelli attuali e questo avrebbe reso impossibile scoprire il difetto.

The iPhones Apple sends to its carrier partners for testing are “stealth” phones that disguise a new device’s shape and some of its functions, people familiar with the matter said. Those test phones are specifically designed so the phone can’t be touched, which made it hard to catch the iPhone 4’s antenna problem.

E noi continuiamo a chiederci come mai Apple, per la prima volta nella sua vita, si sia messa a produrre e commercializzare i famosi Bumper che altro non sono che delle protezioni per l’antenna e per il telefono in generale. Stranamente con un Bumper il problema all’antenna sparisce. Qualcuno ancora pensa che Apple non sapesse nulla di questo problema?

Sembra che Apple abbia deciso di intervenire a livello hardware per sistemare il problema lasciando l’estetica di iPhone identica a quella attuale e sembra anche che tale intervento sia già in atto in quanto alcuni ordini sono stati ritardati.